Tassi bancari per i mutui

Data inserimento 09/12/2020 - 13:04


Tassi bancari per i mutui

In questo momento i tassi bancari per i mutui sono talmente vantaggiosi che è possibile ottenere condizioni mai viste prima.

La domanda è nuovamente concentrata sui Mutui a Tasso Fisso, poiché la forbice tra il tasso fisso e il tasso variabile si è molto assottigliata. Il sistema di calcolo che le Banche utilizzano per applicare il tasso di interesse ai Mutui prevede di determinare prima il tasso di riferimento al quale si deve aggiungere successivamente lo SPREAD.

Ovviamente, il tasso di riferimento cambia a secondo della tipologia di mutuo. Nei mutui a tasso fisso il parametro che viene preso in considerazione è l’IRS, mentre in quelli a tasso variabile è l’EURIBOR. Al valore dell’ Irs e dell’ Euribor, per ottenere il reale tasso di interesse e quindi conoscere il tasso che verrà effettivamente applicato, bisogna aggiungere lo SPREAD (che rimarrà invariato per tutta la durata del mutuo ed è il costo aggiuntivo che ogni istituto di credito decide di applicare in aumento del tasso base). Di conseguenza il tasso applicato sui mutui a tasso variabile sarà composto dall’Euribor (che rappresenta la parte variabile) + lo Spread, mentre per i mutui a tasso fisso sarà composto dall’IRS, (che viene fissato il giorno della firma del contratto di mutuo e non potrà subire modifiche) + lo Spread.


Contattaci

Cerchi un immobile a Roma in costruzione o pronta consegna? Contattaci per una consulenza.


Contattaci, senza impegno